Chateaux Margaux 2016

 950,00

Condizioni meteo
L’inverno, particolarmente piovoso e relativamente mite, ha determinato un germogliamento abbastanza precoce nell’ultima settimana di marzo. I 400 mm di precipitazioni nei primi 3 mesi dell’anno hanno aiutato le falde acquifere a ricostituirsi dopo un 2015 piuttosto secco. Le prime piogge primaverili sembravano essere state abbondanti. In effetti, la quantità cumulativa di precipitazioni rappresentava solo l’equivalente della media degli ultimi 30 anni. La vite riesce comunque a trovare alcune rare e belle giornate di sole a fiorire tra il 6 e l’8 giugno. Il contrasto con la grave siccità estiva non è stato meno netto. Solo circa 8 mm sono caduti nei mesi di luglio e agosto. Nonostante le giovanissime piante presentassero qualche segno di marcato stress idrico, le nostre vecchie vigne si sono comportate perfettamente, dimostrandoci ancora una volta come questa pianta sia dotata di incredibili capacità di adattamento al clima. Anche se secca, l’estate non è stata insolitamente calda. Solo la seconda metà di agosto è stata caratterizzata da temperature più calde del normale. La combinazione di questi parametri ha prodotto un’invaiatura piuttosto diffusa. Il mese di settembre, con giornate asciutte e notti fresche, ha permesso alle uve di terminare la maturazione nelle condizioni più ottimali.
Dal 23 settembre al 18 ottobre si sono svolte le vendemmie rosse, le più estese nella storia di Domaime.
Per tutta l’estate abbiamo provato ogni giorno un po ‘più di eccitazione per il fatto che stava emergendo una nuova grande annata …

1 disponibili

Categorie: ,

Descrizione

Lo Château Margaux è riconosciuto sin dal XVII secolo come uno dei più grandi vini del mondo.
Deve le sue qualità uniche alla genialità del suo terroir e al lavoro appassionato di un susseguirsi di generazioni. È un vino notevole che nasce da una combinazione di caratteristiche che si trovano raramente: finezza, eleganza, complessità, densità, intensità, lunghezza e freschezza. Sebbene la sua concentrazione tannica sia spesso eccezionale, è raro rilevare l’astringenza.
Le grandi annate si distinguono per la loro straordinaria capacità di emozionarci. Le piccole annate deliziano gli amatori esigenti. Hanno il pregio di evolversi più velocemente e rivelano, dopo pochi anni, in assenza di potenza, quella sottigliezza che è appannaggio dei grandi terroir.
Château Margaux ha una straordinaria capacità di evoluzione. Negli anni sviluppa notevole finezza, complessità aromatica e presenza in bocca.
Quanto è difficile seguire un’annata così fantastica come il 2015! Eppure lo Château Margaux 2016 si inserisce bene nella continuità delle più grandi annate di inizio secolo!
Il naso è particolarmente delicato, complesso e profondo. Al palato il vino ha un volume, una dolcezza e soprattutto una lunghezza incredibili. Naturalmente sono i nostri grandi appezzamenti di Cabernet Sauvignon a conferire a questo vino tutta l’eleganza. Rappresentano quasi il 94% dell’assemblea. Merlot e Cabernet Franc, rispettivamente con il 2% e il 3%, apportano al vino una notevole complessità sia in termini di aromi che grazie alla morbidezza della loro struttura tannica. Infine, i petits verdots, nonostante la loro piccola proporzione (solo l’1% della miscela), forniscono un volume e una densità considerevoli.
Nonostante le condizioni estive asciutte e soleggiate di questa annata, questo vino ha mantenuto tutto il suo potenziale acido, l’inizio di un favoloso potenziale di invecchiamento. Château Margaux 2016 è un vino eccezionale, risultato della combinazione di condizioni climatiche eccezionali, conoscenza del nostro terroir e un notevole sforzo di selezione (28% del raccolto).